Prove di Collaudo
news

Prove di Collaudo

PROVA DI CARICO SU UNA TRAVE IN C.A.P. DELL’EX SOVRAPASSO-USCITA A22 DI MANTOVA NORD C/O CAVA ECODEM A LA RIZZA DI CASTEL D’AZZANO (VR)

PROVA N° 3144/VR 30 MAGGIO 2007panoramica trave

Committente:     ITALBETON S.r.l.

Direttore Lavori:     dott. ing. Stefano Vivaldelli

Relatore:     geom. Yurj Baracchi

 

 

Capitolo 1

1 PREMESSA

La Società 4 EMME Service S.p.A. specializzata nell’esecuzione di prove sperimentali su strutture in sito, è stata incaricata dalla ditta “ITALBETON S.r.l.” di eseguire una prova di carico, con controllo delle deformazioni tramite strumento topografico, su una trave in c.a.p., che faceva parte dell’impalcato del sovrapasso autostradale della A22 in servizio all’uscita di Mantova nord. Sostituito da un nuovo impalcato in ferro, il sovrapasso è stato demolito e la trave è stata depositata all’interno della cava recupero inerti della ditta ECODEM a La Rizza di Castel d’Azzano (VR).

Gli obiettivi della prova di carico sono l’analisi del comportamento della trave sottoposta a carico fino alla fessurazione/rottura.

La determinazione dei carichi e la disposizione dei punti di misura sono stati preventivamente concordati con il D.L. dott. ing. Stefano Viavaldelli.

La prova di carico è stata eseguita il 30 Maggio 2007.

Alla prova di carico hanno assistito:

  • dott. ing. Stefano Vivaldelli Direzione Lavori
  • dott. ing. Cristian Righetti ITALBETON S.r.l.

e per la 4 EMME Service S.p.a.:

  • geom. Paolo Bassi Direttore centro Verona
  • geom. Yurj Baracchi Tecnico
  • geom. Simone Marcolini Tecnico
  • geom. Luca Preziuso Tecnico

Capitolo 2 e 2.1

2 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA

2.1 COLLAUDATORE GS03

Collaudatore GS 03

La rilevazione delle deformazioni è stata effettuata con l’attrezzatura denominata GS03 costituita da:
• unità computerizzata di registrazione delle deformazioni GS03;
• trasduttori di spostamento di tipo LVDT modello Schaevitz E 200 HQ;
• cella di carico bidirezionale classe 1 modello TCQ 200 kN;
• software di elaborazione 4 Emme Service.

Trasduttori di spostamento

I trasduttori di spostamento sono portati a contatto dell’intradosso attraverso apposite aste
telescopiche. La catena di misura, sensore–cavo–unità, comporta un errore massimo pari al
±1%.
I sensori impiegati hanno le seguenti caratteristiche:

escursione:     25 mm

sensibilità:     0,0025 mm

linearità:     99,6 %

Cella di carico

La cella di carico, collegata al display alfanumerico, è uno strumento a funzionamento estensimetrico che consente di rilevare il valore della forza applicata. La cella è stata installata direttamente su uno dei martinetti utilizzati per l’applicazione del carico in quanto tutti i pistoni oleodinamici hanno uguale sezione. Sono stati collegati in parallelo ad una centralina oleodinamica attraverso tubi oleodinamici di uguale lunghezza per tutti i martinetti utilizzati La cella di carico ha le seguenti caratteristiche:

escursione:     ±250 kN

sensibilità:     10 daN

linerarità:     99,4 %

Calibrazione

La calibrazione è stata effettuata in data 15 maggio 2007 e documentata col Certificato di Taratura n. 405/07. Tutti gli strumenti sono stati tarati dal Laboratorio della 4 EMME Service S.p.A. utilizzando dei sensori campione come previsto dalla procedura 7.6 del ”Manuale Qualità”.

Capitolo 2.2

2.2 STAZIONE TOTALE SOKKIA 030R

stazione-tot

Immagine della stazione tot. utilizzata per la lettura delle deformazioni

 

postazione stazione tot

Posizione della stazione totale rispetto la trave

Stazione Totale senza prisma tipo 030R con distanziometro elettronico (EDM).

Caratteristiche della serie 030R:
– Le misure senza prisma possono essere effettuate fino a 350 m grazie al nuovo distanziometro senza prisma Sokkia RED-tech II.
– Puntatore laser visibile Classe 3R ultra visibile e di piccolo diametro per collimazioni di precisione anche su bersagli difficili quali spigoli e cavi alta tensione.
– Trasferimento dati senza cavi con tecnologia Bluetooth® o mediante il software Sokkia SFX e un telefono GSM.
– Tastiera alfanumerica completa con inserimento di nomi, numeri, note e coordinate.
– Grande display a 8-linee per 20 caratteri permette di visualizzare una grande quantità di informazioni per avere tutto sotto controllo.
– Cannocchiale miniaturizzato consente puntamenti precisi e rapidissimi. L’affidabile distanziometro permette misure di grande precisione sia su prisma sia su target riflettente.

dettagli stazione

 

Capitolo 3

3 DESCRIZIONE DELLA PROVA N° 3144/VR

La trave misura una luce agli interassi degli appoggi pari a L = 31,00 m.
Il carico è stato applicato attraverso l’utilizzo di 18 martinetti oleodinamici posizionati in modo simmetrico in coppia a partire dalla mezzeria della trave distanziati di 1 metro uno dall’ altro. La distribuzione del carico sulla trave è avvenuta tramite una putrella di ripartizione posizionata sull’estradosso. I martinetti vincolati all’estremità della trave sono stati contrastati da una platea in c.a. sottostante appositamente realizzata.
Il carico massimo complessivo applicato sulla trave è stato di 1980 kN (110 kN su ciascun martinetto).

pistoni

Martinetti utilizzati per l’applicazione del carico

pistoni

Estradosso della trave a carico massimo

muro pistoni

Fessure a 45° oltre i 40 kN per pistone

pistone

Evidente fessura verticale in mezzeria oltre i 40 kN
per pistone

Capitolo 3.1

3.1 UBICAZIONE CARICO E PUNTI DI MISURA

carico e sensori

ubicazione carico e sensori

Capitolo 4 e 4.1

4 RISULTATI DELLA PROVA N° 3144/VR

4.1 TABELLA DELLE DEFORMAZIONI DEI PUNTI DA 1 A 9

tabella deformazione punti 1-9

Capitolo 4.2

4.2 TABELLA DELLE DEFORMAZIONI IN MEZZERIA E APPOGGI

tabella deformazione punti 1-9

Capitolo 5

5 ALLEGATI

CERTIFICATI DELLA STRUMENTAZIONE DI MISURA

certificati della strumentazione di misura