A spasso verso i Pioppi sul nuovo lungolago

A spasso verso i Pioppi sul nuovo lungolago

Viene inaugurata oggi 10 maggio 2015 alle 10.30 al lido Campanello la nuova passeggiata a lago realizzata nel tratto tra porto Campanello e il confine con Peschiera, in località Pioppi. Il lavori di manutenzione straordinaria sono stati ultimati prima di Pasqua, senza ritardi nel cronoprogramma stabilito, per un importo complessivo di circa 300mila euro finanziati dal Comune grazie anche ai proventi dell’imposta di soggiorno. L’inizio della passeggiata è stato realizzato con lastre di materiale composito simil-legno «che non hanno bisogno di manutenzione», sottolinea l’assessore ai Lavori pubblici Massimo Loda.

Questa parte, parallela al tratto lastricato già esistente attraverso l’area verde, è riservata al passaggio pedonale e al bagnasciuga, per questo «verranno posizionati cartelli per interdire la circolazione delle biciclette», sottolinea Loda. Proseguendo in direzione Peschiera il sentiero in porfido si congiunge al lungolago, che in questa seconda parte è realizzato in pietra. La progettazione è stata affidata all’architetto Cinzia Frapporti e al geometra Silvano Pezzini di Castelnuovo; la realizzazione è della ditta Italbeton Srl di Affi.

«È un’opera che l’amministrazione ha in cantiere da tempo», precisa il consigliere con delega al turismo Davide Sandrini, «e che si è concretizzata adesso per i vincoli imposti dal Patto di stabilità. Quando avremo portato a termine le opere di edilizia scolastica ci concentreremo ancora di più sulla valorizzazione del territorio dal punto di vista turistico e dell’arredo urbano, con interventi pensati per i cittadini». Condivide il sindaco Giovanni Peretti: «Il turismo è una chiave importante per Castelnuovo, ma la soddisfazione maggiore è dare un servizio in più ai cittadini, anche a chi abita a qualche chilometro dal lago».

Prevista un’attesa breve per vedere completato anche l’ultimo tratto di passeggiata in territorio castelnovese, tra l’ex pontile della Navigarda e località Ronchi. Per questo stralcio il Comune può contare su un finanziamento regionale, ma il costo totale sarà fissato solo con l’approvazione del progetto definitivo ed esecutivo (pronto entro l’estate, assicura Loda) e l’aggiudicazione del bando di gara.

Articolo tratto da L’Arena